Arte - Dizionario Universale delle Belle Arti - Comanducci
Ricerca artisti
Help? - Avanzata Avvia la ricerca!
Barra, 1940
Barra
The Princess fairy tale, olio su pannello, cm 97x97
Sora Orlando, 1903-1981
Sora Orlando
La mia fidanzata, olio su tavola di legno, cm 54x80, 1928
Caselli Giuseppe, 1893-1976
Caselli Giuseppe
Sagrato di chiesa (San Lorenzo), olio su tela, cm 80x100
 
CENTURELLI Antonio

CENTURELLI Antonio - Armici Angiolina - Maternità, olio su tela, cm 50x70, 1969
CENTURELLI Antonio - Autoritratto, olio su tela, cm 50x70, 1969
CENTURELLI Antonio - Ritratto di Don Lino Lazzari, olio su tela, cm 50x70, 1995

Armici Angiolina - Maternità, olio su tela, cm 50x70, 1969

Autoritratto, olio su tela, cm 50x70, 1969

Ritratto di Don Lino Lazzari, olio su tela, cm 50x70, 1995

Centurelli Antonio Vittorio Artista-Poeta-Scrittore del XX secolo Filosofo e Teologo.

Il bergamasco Antonio Centurelli, è nato a Bergamo il 9 settembre 1936, non solo è un affermato artista nel pieno senso della parola per quanto riguarda l’arte pittorica, ma pure un poeta, uno scrittore, un appassionato studioso delle scienze teologiche. Parlano di lui i suoi meravigliosi dipinti e i numerosi libri da lui pubblicati e che hanno avuto ampia diffusione riscuotendo sempre plausi e consensi da parte dei lettori.
Prima di parlare anche solo brevemente di queste opere letterarie, è necessario un esame delle sue capacità interpretative riferite alla sua personalità di pittore.
Antonio Centurelli, che da giovane ha frequentato l’Accademia di Belle Arti Carrara di Bergamo, si contraddistingue per la sua intelligente creatività come paesaggista e come ritrattista. Il paesaggio è stato sempre la fonte per le sue ispirazioni (che poi si riflettono anche nelle sue poesie) poiché la natura nella sua incomparabile bellezza offre infiniti spunti di contemplazione. Egli ri-crea a suo piacimento la visione di ogni realtà che appare ai nostri occhi, non importa che si tratti di centri o viottoli cittadini, oppure di spiagge marine o di fiori. Ogni soggetto esaminato, Centurelli ce lo presenta come una visione che va al di là 7 dell’immagine in quanto tale, e in ogni dipinto che si riferisce alla campagna oppure a soggetti di “natura morta”, è un richiamo alla splendida luce nella quale è avvolto, nel silenzio e nella pace che sa trasmettere con un cromatismo dai mille e mille riflessi dell’arcobaleno, e per offrire nel dono di una se pur silenziosa melodia, il “canto” che il creato eleva al suo Creatore.
Qui sta la preziosità dell’arte pittorica di Antonio Centurelli e dalla quale, sul piano estetico, è superfluo soffermarci, dando per scontato la perfezione del disegno, la delicatezza e la giusta contrapposizione delle tonalità cromatiche, la solidità della composizione strutturale, e così via, poiché egli è un “maestro” a tale riguardo. A lui sono tornati utili gli studi di geometra con diploma conseguito nelle Scuole Superiori e quelli compiuti all’Università frequentando la Facoltà di architettura.
Da non dimenticare, poi, i suoi successi con le mostre personali e collettive allestite sia in Italia sia all’estero, e che diverse opere pittoriche figurano in collezioni private in Austria, Belgio, Brasile (San Paolo), Francia, Germania, Inghilterra, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Russia (Mosca), Stati Uniti (New York, Washington) e Svizzera.
I ritratti, in certo senso, sono la più esplicita dimostrazione delle capacità interpretative di Antonio Centurelli, mediante l’impegno a portare sulle tele lo spirito del personaggio preso in esame, per cui i tratti somatici vengono “assorbiti” da specifiche espressioni caratteriali. Il che ci permette di avvicinare i ritratti di Centurelli, senza tuttavia ricorrere a inutili confronti, a quelli dei grandi maestri del passato. Un breve accenno meritano, infine, le sue opere letterarie a carattere filosofico e teologico (egli ha ottenuto il diploma in Scienze Religiose e di Magistero presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale).
Le poesie sono una sequenza di meditazioni allo scopo di trarre dalla natura e dalla vita dell’uomo gli stimoli per elevare l’animo dalla materialità delle cose terrene alla spiritualità del mondo soprannaturale. Sono vere espressioni di misticismo che, nell’attualità del tempo presente, offrono speranza per le gioie del tempo futuro, quello dell’eternità beata.
Meritano particolare attenzione, anche se non ci è possibile qui dilungarci a lungo a causa della complessità dei temi trattati, due sue opere a carattere teologico e mariano: “L’Eucaristia nel pensiero di Joseph Ratzinger, Benedetto XVI” e “Maria Parola di Dio”. Entrambi questi libri sono stati offerti in dono, accettati e apprezzati sinceramente, da Papa Benedetto XVI e da Papa Francesco, durante gli incontri personali che Antonio Centurelli ebbe con loro nelle udienze generali in Vaticano.

Don Lino Lazzari
Giornalista, critico d’arte e letterario
Collaboratore di giornali e periodici

 
CENTURELLI Antonio - Crocifissione, disegno a china, cm 50x70
CENTURELLI Antonio - Città Alta, Sintesi, olio su tela, cm 30x20, 1969
CENTURELLI Antonio - Città Alta, Sintesi, olio su tela, cm 30x20, 1969

Crocifissione, disegno a china, cm 50x70

Città Alta, Sintesi, olio su tela, cm 30x20, 1969

Gesù e i bambini, olio su tela, cm 30x40

Testa Silvana, 1946
Testa Silvana
Acqua, olio su tela, cm 90x120, 2010
Lovato Mario, 1936
Lovato Mario
Casa mia dolce casa, olio, cm 40x50
Vasiliki S
Vasiliki S
Meditazione, olio su tela e spatola, cm 80x100, 1976
inserimento artisti | contatti | servizi per webmaster | links | iscriviti
Arte nel mondo by Comanducci.it | Tutti i diritti riservati | pagine di dettaglio Elenco Arte
libri usati