Arte - Dizionario Universale delle Belle Arti - Comanducci
Ricerca artisti
Help? - Avanzata Avvia la ricerca!
Barra, 1940
Barra
The Princess fairy tale, olio su pannello, cm 97x97
Sora Orlando, 1903-1981
Sora Orlando
La mia fidanzata, olio su tavola di legno, cm 54x80, 1928
Caselli Giuseppe, 1893-1976
Caselli Giuseppe
Sagrato di chiesa (San Lorenzo), olio su tela, cm 80x100
 
FAGGI Remo

FAGGI Remo - Pavia, Ponte Vecchio, acquerello, 1984
FAGGI Remo - Papaveri, olio 2004
FAGGI Remo - Strada campestre Corteolona, olio, 2001

Pavia, Ponte Vecchio, acquerello, 1984

Papaveri, olio 2004

Strada campestre Corteolona, olio, 2001

Remo Faggi, pittore impressionista-macchiaiolo, acquerellista e grafico con particolare vocazione verso l’affresco ed il ritratto.
Nato a Corteolona in provincia di Pavia il 17 agosto 1923 da una famiglia di lavoratori artigiani, fin da giovinetto ha sempre nutrito interesse per la pittura nei tipici paesaggi agresti di cui è costellata la pianura Padana. All’età di 12 anni frequenta la Scuola d’Arte di Pavia con insegnanti di notevole valore artistico, quali il pittore Romeo Borgognoni e gli scultori Romolo Bianchi ed Ercole Rinaldi. Iniziano così i primi anni della sua attività segnata da un forte sperimentalismo; disegni, acquerelli fino all’impiego dell’olio, inizialmente applicato su di una notevole varietà di supporti, mantenendosi sempre fedele ad una sorta di specifico protocollo creativo. Inizia quindi, nel 1941, l’apprendistato con il pittore pavese Primo Carena, alla cui scuola scopre il fascino della pittura murale che con passione svolgerà durante tutto l’arco della sua carriera. In seguito al secondo conflitto mondiale, nel 1943 viene deportato in un Lager tedesco, un trauma che non verrà più dimenticato. Quel difficile biennio sarà superato, grazie alla dedizione all’arte che Remo fiducioso conserverà. Infatti, durante i mesi trascorsi con l’Armata Sovietica, gli viene permesso di eseguire alcune opere e ritratti ad importanti generali russi.
Terminato l’immane conflitto, ritorna nello studio di Carena a Milano da dove via via si era formato e scopre fino in fondo la sua vocazione di pittore. Verso la metà degli anni settanta, forte della sua personalità acquisita sul campo, riprende con sempre maggiore vena l’attività sia con la pittura ad olio che con l’affresco. Le sue opere si trovano in diverse chiese, svelando un intenso dialogo con le sante effigi di un remoto passato, ed in collezioni pubbliche e private. Assume agli inizi degli anni settanta, l’incarico per il corso di disegno presso il Liceo Artistico "R. Sanzio" di Pavia, incarico che porterà avanti per ben diciotto anni.
Nella sua lunga carriera, ha tenuto mostre personali in Italia ed all’estero, riportando sempre meritati successi di pubblico e di critica. Di lui si sono occupati scrittori e critici qualificati, quotidiani e riviste d’arte. È inserito in Cataloghi di maggior prestigio.

Carlo Grugni

 
FAGGI Remo - I doni della vita, olio e acrilico, 1967
FAGGI Remo - Giovinetta, olio, 1981
FAGGI Remo - Giovinetta, olio, 1981

I doni della vita, olio e acrilico, 1967

Giovinetta, olio, 1981

Lago di Garda, San Vigilio, olio

Testa Silvana, 1946
Testa Silvana
Acqua, olio su tela, cm 90x120, 2010
Lovato Mario, 1936
Lovato Mario
Casa mia dolce casa, olio, cm 40x50
Vasiliki S
Vasiliki S
Meditazione, olio su tela e spatola, cm 80x100, 1976
inserimento artisti | contatti | servizi per webmaster | links | iscriviti
Arte nel mondo by Comanducci.it | Tutti i diritti riservati | pagine di dettaglio Elenco Arte
libri usati