Arte - Dizionario Universale delle Belle Arti - Comanducci
Ricerca artisti
Help? - Avanzata Avvia la ricerca!
Barra, 1940
Barra
The Princess fairy tale, olio su pannello, cm 97x97
Sora Orlando, 1903-1981
Sora Orlando
La mia fidanzata, olio su tavola di legno, cm 54x80, 1928
Caselli Giuseppe, 1893-1976
Caselli Giuseppe
Sagrato di chiesa (San Lorenzo), olio su tela, cm 80x100
 
INDUNO Gerolamo

INDUNO Gerolamo - Gioie materne, olio, cm 45x65, 1876
INDUNO Gerolamo - L'antiquario
INDUNO Gerolamo - Interno rustico, olio su tela, cm 36.5x44.5

Gioie materne, olio, cm 45x65, 1876

L'antiquario

Interno rustico, olio su tela, cm 36.5x44.5

INDUNO GEROLAMO. Nato a Milano il 13 dicembre 1825, mortovi il 18 dicembre 1890. Ha frequentato i corsi del Sabatelli presso l’Accademia di Brera e, non appena ebbe cominciato a dar prova di sè, fu preso dagli avvenimenti politici. Dopo aver preso parte ai moti insurrezionali del 1848 si rifugiò in Svizzera col fratello maggiore, Domenico. Successivamente riuscì a raggiungere i volontari del generale Medici a Firenze e, con essi, si diresse sotto le mura di Roma. Gerolamo fu tra coloro che occuparono, respinti i Francesi, il Vascello. Durante il combattimento gli vennero inferte ventisette ferite di baionetta al corpo. Fu raccolto da due commilitoni che lo trovarono «come un mucchio di roba sanguinante» dopo essersi buttato giù da una terrazza, successivamente venne portato nell’Ospedale dei Fatebenefratelli, ove fu curato dai frati che lo tennero nascosto. Una volta guarito, rimase a Roma per svolgere alcuni studi. Dopo aver girovagato per un breve periodo, protetto dal conte Giulio Litta, ritornò a Milano. A causa delle cicatrici e delle piaghe rimastegli dal precedente combattimento sfuggì alla coscrizione militare austriaca. Questo fatto gli permise di partecipare alla spedizione piemontese in Crimea, durante la quale riempì albi di schizzi, di appunti per quadri, dai quali nacque poi tanta parte della sua produzione pittorica. Nel 1859 in qualità di ufficiale, partecipò ancora con Garibaldi a tutta la campagna. I temi patriottici, da lui profondamente sentiti, furono quelli da lui prediletti; tuttavia non disdegnò nè il ritratto, nè la scena di genere, nei quali riuscì forse un poco meno vivo del fratello. Opere principali: La battaglia di Magenta, nel Palazzo Reale di Milano; Un grande sacrificio e Triste presentimento, nella Pinacoteca di Brera. Nella Galleria d’Arte Moderna di Milano sono conservate una sessantina di tele, fra le quali: La partita a scacchi; L’antiquario; Lo sciancato suonatore di mandolino; Ritratto equestre di Vittorio Emanuele II; Alleati di Crimea; Episodio della campagna di Crimea; bozzetto per il quadro Aspromonte e Garibaldi a Capua. Nella Galleria d’Arte Moderna di Torino sono: Pescarenico; L’addio del coscritto; Gianduia e Meneghino e La nonna; La lettera, già raccolta Crespi; Soldati allo Stelvio, già raccolta Rossi; Scena familiare, già raccolta Basso; Un rovescio di fortuna, già raccolta Sioli-Legnani; La bandiera nazionale, già collezione Bianchi; Una scena melodrammatica in una collezione privata di Torino; La pittrice, già collezione conte Turati; In Valtellina; Il ritratto, già raccolta Izzo; Il medaglione, già raccolta Rondo; Ritratto della signora Adele Dozio Pastorino; Il pittore Pietro Michis nel suo studio e vari disegni di proprietà Turri di Milano. Fra i suoi allievi, inoltre, ebbe Attilio Bizzozzero, Giacomo Mantegazza e Silvio Poma.

B. Du Camp, Les B. Arts à l’Expos. Univ. de 1855, Paris 1855.
C.v. Wurzbach, Biogr. Lex. Des Kaiserth Österr., 1863
A. Mongeri, L’arte in Milano, 1872.
C. Belgioioso, G. I., Milano, 1878.
Arte e Storia, 9 (1891).
Rondani, Scritti d’arte, Parma, 1872.
Illustrazione italiana, 1879, II, pag. 183; 1880, II, pag. 26; 1883, II, pag. 72; 1886, I, pag. 416; 1888, II, pag. 194; 1891, I, pag. 214.
A. De Gubernatis, Diz. D. Art. ital. viv., 1889.
F. v. Boetticher, Malerwerke des 19.Jahrh., I/2, 1895.
Thieme u. Becker, Künstlerlex., 1925, XVIII.
Natura ed Arte, 33 (1907-8), I; 34 (1907-8).
Mongeri, L’Arte in Milano, 1872.
Emporium, 41 (1915), pag. 328.
Celentano, Esiste un’arte moderna in Italia?, Milano, 1912.
Benezit, Dict. Des Peintres, 1913.
G. Nicodemi, D. e G. Induno, Milano, 1945.
Catal. XVI Biennale di Venezia, 1924, pag. 124 (C. Bozzi).
Galetti e Camesasca, Enciclopedia pittura italiana.
D’Ancona, La pittura d. Ottocento, Milano, 1954
L. Magugliani, Arte nota e men nota, Milano, 1960.
V. Bignami, La pittura lombarda del sec. XIX, Milano, 1900.
C. Maltese, Realismo e verismo nella pitt. ital. dell’800, Milano, 1968.
Comanducci, I, II, III ediz.

 
INDUNO Gerolamo - Triste presentimento
INDUNO Gerolamo - La presa della torre di Malakoff
INDUNO Gerolamo - La presa della torre di Malakoff

Triste presentimento

La presa della torre di Malakoff

I politicanti

Testa Silvana, 1946
Testa Silvana
Acqua, olio su tela, cm 90x120, 2010
Lovato Mario, 1936
Lovato Mario
Casa mia dolce casa, olio, cm 40x50
Vasiliki S
Vasiliki S
Meditazione, olio su tela e spatola, cm 80x100, 1976
inserimento artisti | contatti | servizi per webmaster | links | iscriviti
Arte nel mondo by Comanducci.it | Tutti i diritti riservati | pagine di dettaglio Elenco Arte
libri usati