Arte - Dizionario Universale delle Belle Arti - Comanducci
Ricerca artisti
Help? - Avanzata Avvia la ricerca!
Barra, 1940
Barra
The Princess fairy tale, olio su pannello, cm 97x97
Sora Orlando, 1903-1981
Sora Orlando
La mia fidanzata, olio su tavola di legno, cm 54x80, 1928
Caselli Giuseppe, 1893-1976
Caselli Giuseppe
Sagrato di chiesa (San Lorenzo), olio su tela, cm 80x100
 
LEGA Silvestro

LEGA Silvestro - Gioie materne
LEGA Silvestro - Ritratto dell'amico Ulisse Pichi, 1889
LEGA Silvestro - Ritratto virile, olio su tela, cm 50x40.5, 1870

Gioie materne

Ritratto dell'amico Ulisse Pichi, 1889

Ritratto virile, olio su tela, cm 50x40.5, 1870

LEGA SILVESTRO. Nato a Modigliana (Forlì) il 4 dicembre 1826, morto poverissimo all’Ospedale di Firenze il 21 settembre 1895. Iniziò la sua vita artistica a Firenze sotto la guida di Enrico Pollastrini, dal quale si staccò presto per divenire allievo di Luigi Mussini, il quale era direttore di una scuola privata. Questi lo diresse verso lo studio dei primitivi, istradandolo così verso grande probità di disegno e limpidità di colore. Dopo aver combattuto, come volontario e mazziniano nel 1848 a Curtatone ed a Montanara, il Lega tornò a Firenze e riprese gli studi sotto la direzione di Antonio Ciseri. Con il comparire della nuova corrente macchiaiola, dapprima il Lega negò questa nuova scuola, mantenendosi aderente ai moduli del Mussini, più che non a quelli stessi del Ciseri ma interpretandoli con suo gusto, successivamente nel 1861 aderì alla tecnica della «macchia» diventandone in breve un chiarissimo esponente. L’anno dopo, con gli amici macchiaioli Borrani, Signorini, Abbati e Sernesi, dipingeva nelle campagne di Pergentina, dove diedero vita, appunto, a quella che sarà chiamata la «scuola di Pergentina». Poverissimo, fu ospitato da famiglie amiche: i Batelli a Pergentina; i Tommasi (ove troverà in Angiolo ed in Ludovico due allievi) nella villa di Bellariva (1880-1885); i Bandini, nella villa del Gabbro vicino a Livorno dove, praticamente, trascorse gli ultimi anni della sua vita dal 1886, anno in cui fu colpito da una malattia agli occhi, che peggiorava sempre di più. Anche la sua pittura andava perdendo, forse, nella limpidezza di contorni, ma acquistava in drammaticità. Fu pittore che tutto dette e nulla chiese all’arte. Produsse limpidi quadri di genere, scegliendo i soggetti piú comuni ed innocenti; fu ritrattista, ma non ritrattista da commissioni. Fu maestro di Augusto Rey e di Ludovico Tommasi, ma anche Eduardo Gordigiani, Adolfo ed Angiolo Tommasi ed altri ne rimasero influenzati.

De Gubernatis, Dizionario artisti viventi, 1889.
T. Signorini, D. Martelli, S. L., Firenze, 1896.
A. Franchi, Arte e artisti toscani, 1902.
M. Tinti, S. L., Roma, 1911, 1931.
Revue de l’Art, 1923, XLIII, pag. 199.
Emporium, 1922, LV; 1926, LXIII, pagg. 197-204 (N. Tarchiani).
Bollettino d’Arte, 1922-24, I, pagg. 197-227 (M. Tinti).
Bénézit, Dictionn. d. peintres etc., 1924, III.
E. Somarè, S. L., Milano, 1926.
Thieme u. Becker, Künstlerlex., 1928, XXII.
Galetti e Camesasca, Enciclop. pittura ital., 1951, II.
M. Valsecchi, S. L., Milano, 1953.
D’Ancona, La pittura d. Ottocento, Milano, 1954.
L. Magugliani, Pittori e pitture, taccuino di viaggio, Milano, 1964.
M. Giardelli, S. L., Milano, 1965.
R. De Grada, I Macchiaioli, Milano, 1968.
Comanducci, I, II, III ediz.

 
LEGA Silvestro - Il caffè sotto il pergolato
LEGA Silvestro - Il pergolato, cm 75x24.3, 1868, Conservato a Brera
LEGA Silvestro - Il pergolato, cm 75x24.3, 1868, Conservato a Brera

Il caffè sotto il pergolato

Il pergolato, cm 75x24.3, 1868, Conservato a Brera

Contadina toscana, olio su tela, cm 74.5x114

Testa Silvana, 1946
Testa Silvana
Acqua, olio su tela, cm 90x120, 2010
Lovato Mario, 1936
Lovato Mario
Casa mia dolce casa, olio, cm 40x50
Vasiliki S
Vasiliki S
Meditazione, olio su tela e spatola, cm 80x100, 1976
inserimento artisti | contatti | servizi per webmaster | links | iscriviti
Arte nel mondo by Comanducci.it | Tutti i diritti riservati | pagine di dettaglio Elenco Arte
libri usati