Arte - Dizionario Universale delle Belle Arti - Comanducci
Ricerca artisti
Help? - Avanzata Avvia la ricerca!
Barra, 1940
Barra
The Princess fairy tale, olio su pannello, cm 97x97
Sora Orlando, 1903-1981
Sora Orlando
La mia fidanzata, olio su tavola di legno, cm 54x80, 1928
Caselli Giuseppe, 1893-1976
Caselli Giuseppe
Sagrato di chiesa (San Lorenzo), olio su tela, cm 80x100
 
PONTIROLI SOLIANI Enzo

PONTIROLI SOLIANI Enzo - Caccia alla seggiola, olio su tela, cm 100x70, 1970
PONTIROLI SOLIANI Enzo - Difendiamo l'ambiente, olio su tela, cm 100x80, 1974
PONTIROLI SOLIANI Enzo - Emigranti nell'ora di pranzo, olio su tela, cm 92x60, 1969

Caccia alla seggiola, olio su tela, cm 100x70, 1970

Difendiamo l'ambiente, olio su tela, cm 100x80, 1974

Emigranti nell'ora di pranzo, olio su tela, cm 92x60, 1969

PONTIROLI SOLIANO Enzo

Nato a Guastalla (Re) il 10 luglio 1922, morto a Guastalla (Re) il 30 novembre 1990.

Il piacere di esprimersi in arte lo portò, dopo essersi preparato i colori, a realizzare affreschi già in giovane età. Il sacerdote Don Coccancelli, estimatore delle opere visive, visti i suoi primi lavori, intervenne presso la famiglia perché lo orientassero verso gli studi artistici e lo sollecitò personalmente varie volte.
Il proseguimento delle sue ricerche lo portarono, utilizzando colori puri, ad esprimersi con un pittura moderna, costruita con buoni accostamenti della figura, degli scorci della città e del paesaggio.
Sui suoi lavori, Nevio Jori così si esprime:”…seguace della pittura di Rousseau, più scenografico, non meno descrittivo, fuori dall'esotico, egli ci narra quanto vede intorno e, a volte, il frutto delle sue immaginazioni vergini con accento caldo e temperato, senza impennate strapotenti. Per questo è artista serio, quasi meditato, sereno, composto e vivo insieme, tutto teso non tanto all'effetto, quanto alla qualità espressa dal colore stesso, come esigesse da esso che si facesse luogo, ambiente, cosa animata e ferma nel tempo e nella luce…”.
Nel 1966, per lavoro, emigrò a Ginevra, in Svizzera, e come sempre dedicò alla pittura tutto il suo tempo libero.
Dice Antonio Oberti: “…È un mondo fiabesco fatto di ritratti e di paesaggi, di paesi e di montagne, di lavoro e di religiosità, il tutto scandito con estremo candore e limpidezza, con una cromia vivacissima fino a raggiungere espressioni concise e vibranti…”
“…I «temi» infatti sono molti, dai nudi ai paesaggi, dalle feste paesane al lavoro e al riposo degli emigranti. Un soggetto, quest'ultimo, ovviamente, caro al pittore di Guastalla che analizza direttamente e prende lo spunto dalla vita dei lavoratori all'estero per imbrigliare un fresco e originale mondo poetico.
Pittura espressamente rivolta a tutti, anche quando dipinge le sedici opere illustrative del «Cantico dei Cantici». Così la natura, e gli uomini che vivono in essa, diventa un linguaggio immenso nello spazio reale e ciascuno di noi «sente» nel fondo dell'animo ciò che egli è, le tristezze e le gioie che l’accompagnano e creano una atmosfera lievemente irreale…”.
Numerose sono le sue partecipazioni a collettive, fra queste: a Luzzara dal 1967 al 1° 2° 3° 4° 5° 6° 7° Premio Nazionale Arte Naif; nel 1968 a Lugano alla Rassegna Internazionale delle Arti e della Cultura; nel 1971 a Parma al 1° e 2° Premio Ducato di Parma e a Budapest alla Rassegna Internazionale dei Pittori Primitivi; nel 1973 a Zagarolo (Roma) al 1° Premio Nazionale Naif, Premiato con medaglia d'oro e a Concordia (Mo) alla 1° Triennale di Arte Naif e alla Galleria Zanardelli; nel 1974 a Montecarlo alla III Biennale Europea, Premiato con medaglia d’oro.
Nel 1968 a Guastalla e Luzzara; nel 1970 ad Albinea (Re) a Villa Enrichetta Parco Fola e a Ginevra alla Galleria Faubourgs; nel 1974 a Lione (Francia); nel 1977 a Crevalcore (Bo) alla Galleria d’Arte l’Arca; a Reggio Emilia al Palazzo del Capitano; inoltre a Suzzara, a Basilea (Ch), a Bologna.
Hanno parlato di lui: Vittorio Montanari, M.G. Vinsani Solimé, Renzo Margorari, A. Oberti, Nevio Jori, René Terrier, J. Sutter, Maria Verzelletti, Salvatore Fangareggi, B. Giroiana, P. Lazzarin, S. Configliacco.
Importanti testate hanno scritto della sua arte: La Stampa, L'Europeo, Tempo, Dofinee Libere, La Tribuna Svizzera; La Suisse; France Press; Scena Illustrata, La Nuova Gazzetta di Reggio, L'Unità; La Gazzetta di Parma; II Resto del Carlino.
I suoi quadri si trovano presso privati e collezionisti in Italia, Svizzera, Francia, Spagna, Germania, Inghilterra e al Museo di Arte Naive di Luzzara.

 
PONTIROLI SOLIANI Enzo - Gesù tra gli hippyes, olio su tela, cm 80x64, 1971
PONTIROLI SOLIANI Enzo - Il mondo alla  rovescia, olio su tela, cm 54x64, 1973
PONTIROLI SOLIANI Enzo - Il mondo alla  rovescia, olio su tela, cm 54x64, 1973

Gesù tra gli hippyes, olio su tela, cm 80x64, 1971

Il mondo alla rovescia, olio su tela, cm 54x64, 1973

Paesaggio con neve, olio su tela, 1973

Testa Silvana, 1946
Testa Silvana
Acqua, olio su tela, cm 90x120, 2010
Lovato Mario, 1936
Lovato Mario
Casa mia dolce casa, olio, cm 40x50
Vasiliki S
Vasiliki S
Meditazione, olio su tela e spatola, cm 80x100, 1976
inserimento artisti | contatti | servizi per webmaster | links | iscriviti
Arte nel mondo by Comanducci.it | Tutti i diritti riservati | pagine di dettaglio Elenco Arte
libri usati