Arte - Dizionario Universale delle Belle Arti - Comanducci
Ricerca artisti
Help? - Avanzata Avvia la ricerca!
Barra, 1940
Barra
The Princess fairy tale, olio su pannello, cm 97x97
Sora Orlando, 1903-1981
Sora Orlando
La mia fidanzata, olio su tavola di legno, cm 54x80, 1928
Caselli Giuseppe, 1893-1976
Caselli Giuseppe
Sagrato di chiesa (San Lorenzo), olio su tela, cm 80x100
 
RAMBELLI Amilcare

RAMBELLI Amilcare - Scultura, bronzo, acciaio, rame, cm 91x75x50, 1976
RAMBELLI Amilcare - Conoscibile figurale IV, terracotta, cm 85x85, 1964
RAMBELLI Amilcare - Scultura, acciaio, bronzo, plexiglas, ottone, cm 60x45x40, 1970

Scultura, bronzo, acciaio, rame, cm 91x75x50, 1976

Conoscibile figurale IV, terracotta, cm 85x85, 1964

Scultura, acciaio, bronzo, plexiglas, ottone, cm 60x45x40, 1970

RAMBELLI Amilcare. Nato a Milano il 21 agosto 1924, ivi morto il 29 gennaio 1976. Studia all’Accademia di Brera sotto la guida di Guido Ballo. Durante la guerra vive in Abruzzo, terra d’origine della sua famiglia, per poi tornare a Milano nel 1945, dove esegue caricature ed illustrazioni. Tuttavia la sua preparazione richiede un più alto riconoscimento da parte dell’artista stesso, di qui la decisione di lasciarsi alle spalle una realtà dispersiva come quella milanese.
Nelle opere realizzate a Teramo, per lo più grafiche, è la tematica sociale ad attrarlo, continuando così quanto faceva nell’attività libera a Milano., tuttavia senza quell’insistenza ideologica che stava sfociando nella retorica illustrativa neorealista. Fu una ricerca per molti aspetti tormentata che lo portò, dal 1952 al 1959, a ritirarsi in un paese della provincia di Teramo. Durante tale periodo si impegnò a fondo in una intensa attività pittorica che ebbe come risultato alcune mostre a Teramo e a Roma, nonché la partecipazione ai premi Avezzano e Michetti; tuttavia non lo abbandonò mai l’idea della scultura che lo accompagnava fin dal primo dopoguerra, periodo al quale risalgono le prime cermiche e le prime terrecotte.
Non appena terminato quel periodo di esilio volontario di formazione e riflessione Rambelli tornò a Milano e cominciò la produzione di bronzi, terrecotte e ceramiche che lo portarono ad essere protagonista di un’intera stagione dell’arte italiana, durante la quale continuò a mettersi alla prova percorrendo strade diverse, dall’ "organismo plastico" dei primi anni sessanta al rapporto col mondo industriale e tecnologico, per approdare alle sculture in acciaio, plexiglas, carta o alluminio dell’ultimo periodo. Tenne la prima personale alla Galleria Pater di Milano nel 1962 presentando opere in terracotta di notevoli dimensioni. Successivamente allestisce personali a Roma, Milano, Teramo, Ispra, Torino, Como, Verona e Pescara. Nel 1964 è presente ad Arche 12 a Bad Pyrmont. Prenderà parte a numerose mostre collettive e premi.

 
RAMBELLI Amilcare - Bronzetto, bronzo, cm 62x40x23, 1966
RAMBELLI Amilcare - Scultura, acciaio, bronzo, plexiglas, ottone, cm 60x45x40, 1970
RAMBELLI Amilcare - Scultura, acciaio, bronzo, plexiglas, ottone, cm 60x45x40, 1970

Bronzetto, bronzo, cm 62x40x23, 1966

Scultura, acciaio, bronzo, plexiglas, ottone, cm 60x45x40, 1970

Crocifissione, bronzo, cm 85x90x70, 1967

Testa Silvana, 1946
Testa Silvana
Acqua, olio su tela, cm 90x120, 2010
Lovato Mario, 1936
Lovato Mario
Casa mia dolce casa, olio, cm 40x50
Vasiliki S
Vasiliki S
Meditazione, olio su tela e spatola, cm 80x100, 1976
inserimento artisti | contatti | servizi per webmaster | links | iscriviti
Arte nel mondo by Comanducci.it | Tutti i diritti riservati | pagine di dettaglio Elenco Arte
libri usati