Arte - Dizionario Universale delle Belle Arti - Comanducci
Ricerca artisti
Help? - Avanzata Avvia la ricerca!
Barra, 1940
Barra
The Princess fairy tale, olio su pannello, cm 97x97
Sora Orlando, 1903-1981
Sora Orlando
La mia fidanzata, olio su tavola di legno, cm 54x80, 1928
Caselli Giuseppe, 1893-1976
Caselli Giuseppe
Sagrato di chiesa (San Lorenzo), olio su tela, cm 80x100
 
TURRI Gersam

TURRI Gersam - L'addolorata, olio, cm 50x65, 1934
TURRI Gersam - Bozzetto per la decorazione del Salone da ballo del Conte Visconti di Modrone, olio, 60x75, 1908
TURRI Gersam - Madonna col bambino, olio, cm 51x68, 1926

L'addolorata, olio, cm 50x65, 1934

Bozzetto per la decorazione del Salone da ballo del Conte Visconti di Modrone, olio, 60x75, 1908

Madonna col bambino, olio, cm 51x68, 1926

Gersam Turri è nato a Legnano l’11/9/1879, ivi morto il 7/2/1949. Giovanissimo apprese i rudimenti dell’arte dal padre Mosè pittore; quattordicenne frequentò l’Accademia di Brera e si diplomò brillantemente con i professori Pogliaghi, Ferrario, Butti, Moretti, Bignami, Rapetti e Tallone. La sua attività artistica iniziò col padre e gli zii Elia e Daniele. Alla morte di Mosè, nel 1903, subentrò alla guida degli zii collaborando con loro fino al 1910, quando essi, si ritirarono. Fu molto richiesto per la sua arte decorativa, alla moda di allora nonché alla sua bravura sono dovute le preferenze accordategli da architetti e famiglie signorili dell’ epoca. Collaborò con grandi architetti del primo novecento, in particolare con l’ Arch. Alemagna: a Balsamo ultimando le opere iniziate dal padre per il Marchese Casati Soncino; a Milano, per il comm. G. Silvestri in Corso Venezia 17 alle sale stile Luigi XVI; a Macherio alla Villa Belvedere per la Duchessa Visconti di Modrone; a Somma Lombardo, nel Castello Visconteo alle stanze della Duchessa Visconti di Modrone; a Noverate alla cappella sepolcrale del marchese Isimbardi; a Milano all’appartamento e alla chiesina di palazzo del Conte Giuseppe Visconti di Modrone in Via Cerva 44; al Monumentale a Milano con i graffiti per la cappella Esengrini. Il suo capolavoro decorativo è il Salone da Ballo del Conte G. Visconti di Modrone in Via Cerva 44 a Milano, ora Fondazione Carlo Erba. Altri famosi architetti che si avvalsero della sua arte furono: l’architetto Campanini a Milano per l’appartamento del Conte Emanuele di Castelbarco in Via Cerva 44, per la casa dell’ing. Ghilardi in Corso Monforte ed in Via Guastalla n 5 per il palazzo del Conte G. Durini; l’arch. Gaetano Moretti per la casa del Sig. Gerolamo Dolci a Somma Lombardo; l’architetto F. Frigerio a Como per casa Stucchi e per il Tempio Voltiano dove progettò e curò le decorazioni; l’ing. Arch. P. Magistretti a Milano per casa Belloni in via della Spiga al n° 20 dove decorò con grandi scene prospettiche salone, sala da pranzo e anticamera; l’arch. Perrone a Pavia per il palazzo del prof. E. Morelli. A Milano decorò la palazzina Breda 7 e casa del Breda in Via Paleocapa; a Vo Pindemonte (Isola della Scala Verona) Villa Vo per il Conte Emanuele di Castelbarco; a Milano in Via Guastalla 5 salotto a stucchi e dipinti in casa Durini; a Brunate la villa Pirotta per la Contessa Bonacossa e la villa del Marchese Rosales; a Taino (Varese) la villa del Marchese Corti; a Milano le camere della contessa Luisa Bonacossa, il salone Luigi XIV e la camera barocca per il comm. Attilio Pirotta; a Varese la villa Trolli; ad Orsenigo casa Baragiola; a Milano casa Muggini in Piazzale Magenta con scene di Bacco e Venere; a Legnano l’Aula Magna, gallerie e salone della Scuola Bernocchi; a Lomazzo il Palazzo del Conte F. Somaini;a Como la sala dello Zodiaco nel casinò municipale; a Milano la casa del maestro Toscanini.
Numerose sono le sue opere d’arte sacra: la più importante, a Como, è la cupola del santuario del SS Crocifisso con i grandiosi affreschi raffiguranti "Il Trionfo di Cristo Re ed i Santi", Sposalizio di Maria Vergine, Incontro con S. Elisabetta, la pala di San
G. Emiliani; a Solaro per la chiesa parrocchiale affrescò Il buon Pastore, S. Carlo, S. Ambrogio, S. Pietro, S. Paolo, Martirio di S. Giulietta, Incontro di Gesù e Maddalena, Battesimo di Gesù, l’Annunciazione e L’Addolorata; ad Ello (Como) la chiesa e la villa Pirola Zelata; ad Appiano Gentile nella parrocchiale quattro Evangelisti; a Noverate "L’Addolorata" nella cappella Radici; a Legnano la pala d’altare per Chiesetta del Tubercolosario Regina Elena; a Roma per il Senatore F. Somaini "Morte di S. Saverio"; a Legnano la Via Crucis mosaico nelle edicole della Chiesa delle Grazie; a S. Giorgio su Legnano S. Isidoro Agricoltore; a Legnano, per il Cav. Alloni l’Addolorata per l’edicola al cimitero; a Legnano la Sacra Famiglia per l’orfanotrofio Girardelli; a Lomazzo S. Francesco Saverio per i Conti Somaini; per la chiesa di Nerviano il Sacro Cuore e per la contessa Bonacossa a Milano due episodi della vita di Mosè.
Valente restauratore, restaurò il Palazzo Besta a Teglio , la Basilica di S. Magno a Legnano, il Palazzo del marchese Ponti in Via Bigli a Milano, il santuario del SS Crocifisso e la chiesa di S. Abbondio a Como.
Nei quadri ad olio trattò di preferenza la natura morta gli animali ed il paesaggio
Fu ottimo manierista di stile inconfondibile, ritrattista e buon frescante d’arte sacra.
Il suo nome ed il suo successo sono legati alla straordinaria abilità nell’interpretare lo stile barocco. Per questa sua indiscussa capacità artistica raggiunse livelli eccelsi per il suo tempo, sono famose le medaglie ed i soffitti in ardite prospettive architettoniche con splendide scene mitologiche ed allegorie. L’ eccezionale abilità nel tradurre tutti gli elementi più raffinati del linguaggio decorativo lo resero ricercatissimo.

 
TURRI Gersam - Ritratto del figlio Mosè Junior, olio, cm 43 (diametro), 1918
TURRI Gersam - Santuario SS. Annunziata di Como, Il trionfo di Cristo Re ed i Santi, 1929
TURRI Gersam - Santuario SS. Annunziata di Como, Il trionfo di Cristo Re ed i Santi, 1929

Ritratto del figlio Mosè Junior, olio, cm 43 (diametro), 1918

Santuario SS. Annunziata di Como, Il trionfo di Cristo Re ed i Santi, 1929

Natura morta, olio su tela, cm 116x84, 1926

Testa Silvana, 1946
Testa Silvana
Acqua, olio su tela, cm 90x120, 2010
Lovato Mario, 1936
Lovato Mario
Casa mia dolce casa, olio, cm 40x50
Vasiliki S
Vasiliki S
Meditazione, olio su tela e spatola, cm 80x100, 1976
inserimento artisti | contatti | servizi per webmaster | links | iscriviti
Arte nel mondo by Comanducci.it | Tutti i diritti riservati | pagine di dettaglio Elenco Arte
libri usati